Le origini della festività natalizia affondano le loro radici ancor prima che il Cristianesimo si diffondesse in Occidente. Tradizionalmente infatti, col termine “Natale” si intende quella festività, o meglio, quel complesso di festeggiamenti che commemorano ogni 25 Dicembre la nascita di Gesù Cristo dalla Vergine Maria. A causa dello slittamento del calendario giuliano, le chiese d’Oriente, festeggiano il Natale il 7 Gennaio. Tuttavia, col termine Natalis, i nostri progenitori romani designavano diverse festività, tra

le quali le celebrazioni per la nascita di Roma (Natalis Romae, 21 Aprile) e il Dies Natalis Solis Invicti, proprio il 25 Dicembre, nella quale gli studiosi hanno rintracciato l’origine, “filtrata” dal Cristianesimo, del nostro Natale. Il natale del Sol Invictus fu introdotto dall’Imperatore Aureliano nel 273 d.C. e venne progressivamente sostituito dalla ricorrenza cristiana nel corso del III secolo d.C: il Natale Christi come lo conosciamo oggi, in cui ci si scambiano doni e auguri di Natale. Con l’avvento della società del consumismo, il Natale è divenuto occasione per lanciarsi in sfrenati acquisti, grazie anche alla presenza di pittoreschi mercatini di Natale che in tutta Italia occupano le maggiori piazze cittadine e in cui si vende praticamente di tutto: dagli addobbi di Natale più variopinti e particolareggiati agli onnipresenti alberi di Natale. Nel nostro Paese è molto amata la tradizione del presepe, tale a volte da soppiantare quella dell’abete e delle altre decorazioni di Natale di importazione nordica. Assolutamente da visitare è il mercatino dei presepi di S. Gregorio Armeno, a Napoli, visitato da migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo e affollato fino all’attesissima vigilia di Natale. Un presepe o un singolo pastore artigianale, realizzati secondo la secolare arte presepiale di S. Gregorio Armeno possono costituite un pregiatissimo e alternativo regalo di Natale. L’odierna figura di Babbo Natale invece è originata dalle tradizioni provenienti dal Nord Europa che tramandano racconti sull’esistenza di spiriti o santi, come S. Nicola o addirittura lo stesso Gesù Bambino, che portavano doni ai più piccoli che avessero tenuto un buon comportamento durante l’anno.

Cerca un Hotel per le tue vacanze di Natale
Cerca un Volo per le vacanze Natalizie

   
 
Il solito paio di scarpe al nonno, l’inflazionatissimo paio di guanti al fratello/sorella, la pietosa borsa alla mamma, il maglione al papà. Spesso quando si è a corto di idee per regali di Natale si finisce con l’essere poco originali, acquistando articoli inutili o poco apprezzati. I regali di Natale possono essere infatti, a seconda dei casi, croce o delizia per chi, uomo o donna che sia, ha molta o poca confidenza con lo shopping in generale. Tuttavia, anche chi non è particolarmente amante dello shopping frenetico, tralasciando sciarpe e pantofole acquistate nel primo negozio che si incontra sui propri passi, può fare bella figura con amici, parenti o col proprio partner, seguendo qualche semplice consiglio. Innanzitutto è bene interpretare i gusti e le esigenze del destinatario. È normale ad esempio che un bambino preferirà di gran lunga dei giocattoli a capi d’abbigliamento. Se volete vedere il sorriso sul suo viso allora, un gioco è il regalo ideale. Per gli adulti invece la situazione si complica, specialmente quando si tratta del proprio fidanzato o fidanzata. Se si vuole andare a colpo sicuro, è bene tenere a mente qualcosa che il proprio partner ha individuato durante l’anno, magari passeggiando con noi per le vie del centro. I libri o i profumi che ha adocchiato ma non acquistato, costituirà sicuramente l’arma vincente di chi non sa cosa regalare. Oltre ai capi d’abbigliamento e accessori all’ultima moda, apprezzatissimi, specialmente dai più giovani, sono i regali Hi Tech, di cui traboccano negozi e supermercati. In questo campo la scelta è molto ampia ed è importantissimo perciò interpretare gusti e esigenze del destinatario. I cellulari sono i prodotti tecnologici che vantano l’offerta più ricca e variegata e il più largo consumo. Scegliere quello più adeguato a chi dovrà riceverlo è perciò solo questione di prestazioni e di prezzo (mediamente dai 50 ai 450 Euro). Altrettanto variegato è il mercato dei lettori Mp3, oggi in grande espansione. Un lettore digitale può costare anche 20 Euro. Anche qui dunque è solo questione di prestazioni e di budget. Se il destinatario invece è spesso in viaggio o trascorre molto tempo fuori casa o ufficio per lavoro, il dono ideale sarà un piccolo computer palmare, dal costo medio di circa 300 Euro. In questi mesi però si stanno moltiplicando le offerte per i notebook. Con l’incremento della grande distribuzione infatti, è possibile trovare computer portatili a prezzi praticamente stracciati. Con una spesa media di circa 400 Euro si può portare a casa un portatile dalle discrete prestazioni, impossibile da acquistare al quel prezzo fino a qualche anno fa. In certi casi quindi è opportuno prestare attenzione a volantini o cataloghi che questi grandi megastore inviano nelle nostre case o rendono disponibili sul web. Un computer o un palmare saranno regali sempre graditi.
Altra nota dolente per chi non è dotato di fervida fantasia sono gli auguri in forma scritta da allegare ai regali o da scrivere sulle cartoline di Natale. A Natale chiunque prima o poi si trova a dover scrivere qualcosa su un biglietto o su una cartolina. Anche qui l’originalità la fa da padrona per evitare di dover ripiegare sul solito “affettuosi auguri di buon Natale e felice anno nuovo”. Allora perché non consultare il web? Molti siti infatti offrono una serie di frasi originali da cui trarre spunti per i propri messaggi d’auguri. In alternativa, se si posseggono doti di disegnatore, invece di affidarsi alla parole scritta, perché non realizzare sul retro di una cartolina di natale un disegno fatto con le proprie mani? Il risultato potrà sorprendere anche noi stessi. Lo stesso può valere per i biglietti di Natale.
Spesso le vacanze di Natale si rivelano un’ottima occasione per evadere dal grigiore delle nostre città e raggiungere località di villeggiatura sia tipicamente invernali che balneari. Moltissime agenzie specializzate programmano ogni anno una serie di offerte per viaggi di Natale, adatte praticamente a tutte le tasche. Gli unici limiti infatti per quanto riguarda i viaggi di Natale sono spesso solo il budget o il tempo. Visitare una città d’arte o una capitale europea può costare anche meno di 300 Euro tutto all inclusive. Se però non si hanno problemi economici o di tempo, perché non regalarsi una crociera da sogno o trascorrere la Vigilia sulle bianche spiagge dei Caraibi?
 
Idee Regali di Natale
Hi-Tech
Giochi
Salute e Bellezza
Musica Libri Film