Con la ricorrenza della Pasqua, i Cristiani celebrano la morte e la Resurrezione di Gesù Cristo. La data viene fissata di anno in anno, precisamente la domenica successiva al 21 marzo fino al 25 aprile, cioè dopo il primo plenilunio successivo all’equinozio di Primavera. Per molti aspetti la Pasqua cristiana è legata a quella ebraica. Lo stesso nome deriva dal termine ebraico Pesach, che significa “passaggio oltre”. Il termine si riferisce infatti all’episodio biblico della decima piaga che colpì l’Egitto. L’angelo della morte infatti, narrano le Sacre Scritture, “passò oltre” le porte delle case degli israeliti contrassegnate col sangue di un agnello. Nella tradizione cristiana invece l’originario significato viene inteso come “passaggio” a nuova vita del Cristo (la Resurrezione) e conseguente passaggio a nuova vita anche per il cristiano che segue i suoi insegnamenti. Diffusissima in tutto il mondo cristiano è l’usanza di regalare in occasione della Pasqua uova di cioccolato di varie forme e dimensioni oppure di decorare le tavole imbandite per i rituali pranzi pasquali con uova (vere) il cui guscio è stato preventivamente dipinto con vernici colorate. L’uovo è sempre stato, anche presso le popolazioni più antiche, simbolo di rinascita e di nuova vita. Particolarmente amata dai golosi e dai bambini per la grande quantità di cioccolato consumata, la Pasqua è senz’altro una delle festività in cui sono particolarmente intensi gli spostamenti da una città all’altra o, perché no, da una nazione all’altra, specialmente in occasione della Pasquetta (detta anche Lunedì in albis).
Moltissimi sono i nostro connazionali che decidono di passare fuori dalla propria città le vacanze pasquali, in particolar modo quando è possibile prolungarle con un ponte. Il mercato dei viaggi è particolarmente florido in questa occasione e numerose sono le offerte che i tour operator propongono ai loro clienti. Tali pacchetti sono spesso comprensivi di spese per hotel, voli e pasti. Gli unici limiti posti alla nostra voglia di viaggiare a Pasqua sono il budget e il tempo da dedicarvi. Nell’arco di un week end sarà perciò consigliabile brevi soggiorni magari in famose città d’arte o in qualche capitale europea non troppo lontana. Un agriturismo in Toscana o in Umbria è l’ideale per un week end all’insegna della cultura e del relax. Per quanto concerne le capitali europee, letteralmente prese d’assalto dai nostri connazionali anche in questa Pasqua 2012 sono Londra, Parigi, Barcellona, Madrid e Praga. Si consiglia vivamente di visitare queste città, grazie anche all’enorme quantità di offerte preparate ogni anno dalle agenzie di viaggi che, con poche centinaia di Euro, possono offrire week end da sogno. Se invece ci si vuole concedere un assaggio d’estate, si consiglia di puntare sulle nostre isole. Sicilia e Sardegna, con il loro clima mite e il loro mare, sapranno accontentare anche vacanzieri più esigenti. Se invece si ha la possibilità di spendere un po’ di più, sia in termini di denaro che in termini di tempo, perché non orientarsi sul mercato delle crociere? Moltissime sono le compagnie che offrono periodicamente pacchetti per tutte le tasche e per tutti i gusti. Le rotte sono le più varie: si va dalle brevi crociere nel Mediterraneo, spesso della durata di un singolo week end, alle crociere della durata di svariate settimane, che toccano mete esotiche come le paradisiache Maldive.
 
Cerca un Hotel per le tue vacanze di Pasqua
Cerca un Volo per il ponte di Pasqua